Categorie
Hacking News

Deface al sito di Poste Italiane

 

Nella notte fra il 10 e l’11 Ottobre 2009, 2 defacer che si firmano come Mr.Hipo e StutM hanno sostituito la home si poste.it con questo:

Con il seguente messaggio in popup: "Le Poste Italia­ne – si leggeva – sono state oscurate?! Perché questo atto di forza? Per dimostrare a mi­lioni di italiani che i loro dati sensibili non sono al sicuro! Sembra pazzesco eppure tut­ta la sicurezza garantita nei servizi online di e-commerce è solamente apparente. Per vostra fortuna noi siamo per­sone non malintenzionate, perciò i vostri dati e i vostri account non sono stati tocca­ti. Ma cosa succederebbe se un giorno arrivasse qualcuno con intenzioni ben peggiori delle nostre? Con questo ge­sto quindi, invitiamo i re­sponsabili a occuparsi della grave mancanza di sicurezza nei servizi online delle Poste S.p.a."


Anche su Wikipedia avevano annunciato l’attacco:

[ad]

Le poste italiane si difendono scrivendo nella loro home page che i dati dei correntisti sono rimasti al sicuro:
Ripristinata l’home page del sito dopo l’attacco di defacement. Mai stati in pericolo i dati dei correntisti
L’attacco di defacement, una delle forme più frequenti di hackeraggio contro i siti italiani, che ha interessato nella serata di sabato 10 ottobre il sito di Poste Italiane è stato tempestivamente bloccato dal sistema di sicurezza interno dell’azienda. Tutti i dati e le informazioni contenuti nel sito non sono stati violati.
I tecnici di Poste Italiane e la Polizia postale – con l’ausilio della sofisticata sala di sicurezza per il controllo della rete allestita presso la sede di Poste Italiane a Roma – hanno intensificato i controlli per identificarne gli autori e sono già sulle tracce degli hacker.

Ecco un’altra dimostrazione di come le cose funzionino male in Italia.
Evviva la privacy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.